COPPA ITALIA SERIE D – SEDICESIMI DI FINALE

CLODIENSE CHIOGGIA 0 – 1 AMBROSIANA

Marco Hrabar per L’Arena

L’Ambrosiana si dimostra bestia nera per la Clodiense e, con una squadra giovanissima, vola agli ottavi di Coppa Italia. Prestazione solida e coraggiosa quella offerta dai rossoneri. Per nulla remissivi. Scesi in campo con grande entusiasmo e con la voglia di portare a casa un risultato brillante. Per molti la Coppa era gara da vetrina. Sfruttata nel migliore dei modi dai ragazzi di mister Chiecchi che ha saputo mandare in campo una squadra assortita ed equilibrata. Su un campo, tra l’altro, non certo semplice. E contro un avversario che era comunque da decifrare. Il successo, dunque, serve. Non solo per il morale.La prima occasione è di Oliveira che calcia una punizione dalla distanza, mandando la palla sopra alla traversa. Risponde la Clodiense con Martino che, da due passi calcia sicuro ma Squaranti respinge ottimamente. Poco dopo è ancora Ambrosiana, con Concato che calcia bene la palla respinta corta da Camerlengo, ma Righetti non riesce a ribattere per un soffio. Passato il quarto d’ora ci prova Aloisi, con un tiro debole dal limite che non inquadra la porta. Sul ribaltamento di fronte Cuomo finalizza con un colpo di testa una punizione da sinistra ma Squaranti è ancora attento e non capitola. Squaranti che rischia grosso prima della mezz’ora quando Erman scodella in area per Granziera che, in corsa, mette incredibilmente a lato dal limite dell’area piccola. Scampato pericolo, si riparte. L’Ambrosiana rialza il baricentro e si fa vedere dalle parti di Camerlengo con Aloisi, autore di un tiro fotocopia del precedente. È poi Righetti ad avere sui piedi un buon pallone ma la punta rossonera non riesce a trovare un pallonetto che avrebbe potuto far male alla squadra avversaria e costringerla a rincorrere. È però la Clodiense a confezionare una bella occasione con Martino, bravo a prodursi in una rovesciata deviata in angolo da Squaranti, e lattrettanto bravo a non farsi sorprendere anche da una deviazione di Dall’Agnola. Prima del riposo ottima ripartenza dell’Ambrosiana non sfruttata al meglioda Righetti il quale, al limite, tocca per Borgogna che calcia alto. La prima occasione della ripresa è della Clodiense, con Martino che arriva fino dalle parti di Squaranti e mette in mezzo ma il portiere rossonero fa sua la palla. Un minuto dopo ci prova Borgogna con un bel tiro messo in angolo da Camerlengo, seguito da un netto fallo in area su Contri non sanzionato da Rinaldi. Al quarto d’ora doppio pericolo da angolo per l’Ambrosiana che evita di soccombere grazie a due salvataggi praticamente sulla linea di porta. Chiecchi butta nella mischia Rossi che, subito dopo, ha sul sinistro una ghiotta occasione concludendo però sull’esterno della rete. È il preludio del gol rossonero, firmato da Righetti, bravo a toccare un cross di Rivic e sfruttando un’uscita totalmente sbagliata da Camerlengo. Nel finale la Clodiense manca il pari in due occasioni, ma l’Ambrosiana tiene, vince la partita e continua il cammino di Coppa.

TABELLINI

Clodiense (4-4-2): Camerlengo, Bagarolo, Scandilori (43’st Veronese), Cuomo, Granziera, Arvia, Farinazzo (18’st Leveh), Erman, Barone, Cecconello (18’st Bullo), Martino (31’st Penzo). Allenatore: Gianluca Mattiazzi.

Ambrosiana (4-2-3-1): Squaranti, Dall’Agnola, Concato, Rivic (27’st Lonardi), Contri, Acri, Aloisi (34’st Testi), Turrini, Righetti (41’st Buxton), Oliveira (15’st Rossi), Borgogna (40’st Tonani). Allenatore: Tommaso Chiecchi.

Arbitro: Carlo Rinaldi di Bassano
Reti: 25’st Righetti